Santa Croce di Magliano, mercoledì 05 giugno 2019

     

    Imposta come pagina iniziale  Aggiungi ai preferiti  Segnala ad un amico  Stampa  Translate in English

esposizione << 1/15 giugno << 2019 << home

 

 

 

feste popolari


L'abito votivo, il pane, i carri, la questua, gli spari, le luci ai balconi, gli stendardi colorati di foulard: a Santa Croce di Magliano sono i giorni della "tredicina" di Sant'Antonio


 

 

Da venerdì 31 maggio 2019 è iniziata a Santa Croce di Magliano la lunga serie di celebrazioni religiose che testimoniano la forte partecipazione della popolazione santacrocese al culto del santo patrono, Sant'Antonio di Padova: la cosiddetta tredicina.
Al via dunque la quotidiana cerimonia della messa pomeridiana con la preghiera, la canzone dei gigli e i tre spari di fuochi d'artificio, in tre diversi momenti della giornata (mattina, mezzogiorno e sera).
Ai balconi delle case vengono accese piccole luci, illuminanti l'effige del santo. Nei vari quartieri si preparano pagnotte di pane che - benedette - verranno poi distribuite di casa in casa.
Per le vie del paese bambini e ragazzi di ogni età girano con piccoli carretti, addobbati con l'immaginetta di Sant'Antonio, per chiedere la questua, che servirà per la buona organizzazione della festa.
Nel pomeriggio del dodici di giugno verranno benedetti i carri votivi nel piazzale della Chiesa Madre Sant'Antonio; il giorno dopo il rito processionale solenne, la tradizionale asta e momenti di spettacolo.
Novità di quest'anno voluta dal Comitato Feste, una giornata tutta dedicata ai carri che si svolgerà venerdì 14 giugno. PROGRAMMA COMPLETO

Mentre il centro del paese si illumina a festa, sabato 1 giugno 2019, durante la messa pomeridiana, si è ripetuto il rito dell'esposizione nel tosello della statua del santo nella Chiesa Madre "Sant'Antonio" che ha registrato la solita folta presenza di fedeli. Chiesa abbellita anche con i classici stendardi con coloratissimi foulard.
Un lavoro minuzioso preparato dal Comitato Feste e da alcune famiglie devote al santo.
All'inizio della funzione religiosa la benedizione dei bambini e delle mamme, vestiti con il tradizionale saio marrone, l'abito votivo - u moneche - che verrà indossato fino al tredici di giugno, giorno della festa.

TREDICINA

in onore di S. Antonio di Padova

Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Mi rallegro con Voi, o glorioso S. Antonio, per il grande dono di fede che Gesù vi diede e per la quale tanto vi esaltò da riempire il mondo di sì grandi prodigi che vi hanno meritato il glorioso nome di Santo dei Miracoli.

Pregate per me, affinché la mia fede non venga mai meno, ma vada sempre crescendo.

Gloria…

Tu che di fulgidi doni celesti

ripiena l’anima quaggiù splendesti,

or sull’Empireo di Dio coi Santi

deh! Prega, Antonio, pei figli erranti.

prega la vergine, prega il Signor. (2v.)

Mi rallegro con Voi, o glorioso S.Antonio, per il grande dono di speranza che Gesù vi diede e, per essa, nel fiore della gioventù, abbandonaste il mondo e vi chiudeste nella solitudine del chiostro per vivere non più alla terra, ma al Cielo. Pregate per me, affinché abbia sempre gli occhi rivolti al Cielo e viva solo per farne l’acquisto.

Gloria…

Fin dall’infanzia al Ciel votasti,

in fondo all’eremo,gli affetti casti;

esempio dandoci di virtù vera

nella rinunzia silente, austera.

Prega la vergine, prega il Signor (2v.)

Mi rallegro con Voi, o glorioso S.Antonio, per il singolare amore che Gesù accese nel vostro cuore e che vi fece cercare, con ineffabile ardore, di dare la vita per Lui e vi incamminaste per dove potevate avere questa felice sorte. Pregate per me, affinché ami sempre il mio Dio con tutto il cuore e con tutte le mie forze.

Gloria…

Poi voli, apostolo, di loco in loco,

i gigli a spargere, le rose, il foco,

l’amor, tra i popoli, dell’Evangelo

con ineffabile slancio di zelo.

Prega la Vergine, prega il Signor (2 v.)

Mi rallegro con Voi, o glorioso S.Antonio, per l’infuocato zelo per la gloria di Dio e per il bene delle anime che Gesù aggiunse al vostro amore che vi fece esporre a tanti pericoli per la predicazione della divina parola. Pregate per me, affinché, con la parola e col buon esempio, possa promuovere la gloria del Signore.

Gloria….

Maglio d’eretici, arca di scienza,

tiranni e despoti volgi a clemenza.

I muti parlano, vedono i ciechi,

ovunque l’impeto del Verbo rechi.

Prega la Vergine, prega il Signor (2 v.)

Mi rallegro con Voi, o glorioso S. Antonio, per la grande tenerezza che Gesù vi diede verso di Lui Sacramentato che faceste adorare anche dagli animali. Pregate per me, affinché viva affezionato a questo gran Sacramento e Lo riceva spesso e sempre degnamente nel mio cuore.

Gloria…

Al tuo miracolo anche i giumenti

Ti s’inginocchiano ai piedi intenti;

i monti muovonsi, fin dalle bare

gli estinti veggonsi risuscitare.

Prega la Vergine, prega il Signor (2 v.)

Mi rallegro con Voi, o glorioso S.Antonio, per il filiale affetto che portaste a Maria Santissima, la gran Madre di Dio, la quale avevate sempre nel cuore e sulla lingua, e che era la vostra guida e difesa sicura contro quelli che cercavano la vostra rovina. Fate che io ami sempre la mia cara Madre Celeste e viva sicuro sotto al Sua potentissima e materna protezione.

Gloria….

Or sull’empireo, coi Santi godi

dei cori angelici l’eterne lodi;

ma nella gloria cinto di gigli

guidaci, Antonio, coi tuoi consigli.

Prega la Vergine, prega il Signor. (2 v.)


PREGHIERA

in onore di S. Antonio di Padova

 Gloriosissimo Santo, tutta la chiesa Vi chiama e Vi saluta Santo miracoloso; in tutti i luoghi, in ogni angolo della terra si onora e s’invoca il Vostro nome: riguardate tutto questo popolo e siate la sua difesa.

Provvedetelo in ogni sua necessità, proteggetelo da ogni male, liberatelo dal peccato, mantenete in esso il santo timore di Dio, l’amore a Gesù Cristo, il rispetto alla Chiesa, l’onestà nei costumi; e possa gloriarsi d’avere Voi difensore presso Dio e dare sempre al Vostro nome gloria e benedizione.

Amen.


LA CANZONE DEI GIGLI

(Versi del Sac. Don Cesare De Titta)

 

Padre santo, Santo bello,

È passato il gran flagello;

ma la terra dei dolori

ha bisogno dei tuoi fiori.

Scenda, o Padre, ai cuori stanchi

la tua pace in gigli bianchi. (2 v.)

Sono i gigli la purezza

Sono i gigli l’allegrezza

Ma Tu sai quanti tuoi gigli

L’aspra guerra fè vermigli.

Più la pace a noi non manchi,

la tua pace in gigli bianchi! (2v)

Padre, scenda sui tuoi figli

Il sorriso dei tuoi gigli. (2 v.)

Tu sai quanto fu distrutto,

Tu sai quanto è il nostro lutto.

Il dolore ancor non tace,

chiedon l’anime la pace;

una pace che rinfranchi;

la Tua pace in gigli bianchi! (2 v.)

Padre, scenda sui tuoi figli

Il sorriso dei tuoi gigli. ( 2 v.)

I Tuoi fiori puri e leggiadri

Riconfortino le madri,

riconfortino le spose,

tutte l’alme dolorose;

Dian la pace ai cuori stanchi,

la Tua pace in gigli bianchi! (2 v.)

Padre, scenda sui tuoi figli

Il sorriso dei tuoi gigli. (2 v.)

 

 


 


 

 

 



© Copyright www.santacroceonline.com - Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.   

disclaimer - privacy